Chiesa del Suffragio o delle Anime Purganti

Posizione

Matelica

All’omonima confraternita, costituitasi nel 1684, sono legate le vicende storico-architettoniche della chiesa del Suffragio, che venne concepita all’inizio del Settecento e i cui lavori si conclusero nel 1715. L’eleganza e la raffinatezza dell’edificio lasciano supporre la mano sconosciuta di un progettista di valore, che all’esterno ha preferito mantenere una certa sobrietà mediante l’utilizzo del laterizio per l’intera facciata, fatto salvo per il portale d’ingresso e altri elementi architettonici realizzati in pietra bianca. L’interno si presenta piuttosto interessante con pianta a forma ellissoidale dalla quale partono quattro bracci terminanti con un endonartece, con la zona presbiteriale e due cappelle laterali dedicate a San Sebastiano e Santa Lucia. La copertura dell’aula è a cupola, con al centro il dipinto Gesù in Gloria con gli Angeli, mentre le due cappelle laterali sono voltate con cupolini ellittici. Nel presbiterio è conservata la pala d’altare raffigurante Cristo e le Anime Purganti riferita all’ambito del pittore ed incisore romano Biagio Puccini (1673-1721), artista a cui si devono anche i dipinti delle cappelle laterali.